Tutti gli articoli di admin

Audio Discorsi Panella e Castrezzati

Gianni Panella

Di tutte le forze sociali e politiche democratiche, i sindacati hanno dichiarato per questa mattina sciopero generale. Tutti i partiti politici democratici sono presenti e hanno dato la loro adesione, l’Associazione Commercianti, Confederazione Esercenti, la Federazione dell’Artigianato bresciano, tutti i movimenti giovanili democratici, il mondo degli studenti. Compagni e lavoratori, cittadini bresciani questa imponente manifestazione testimonia la profonda coscienza democratica della popolazione bresciana. La strategia eversiva orchestrata dai gruppi neofascisti culminata nei drammatici avvenimenti di questi ultimi giorni trova in questa grande giornata di lotta una risposta ferma e decisa. Da troppo tempo nella nostra provincia avvengono scopertamente atti di provocazione fascista culminati spesso in veri e propri criminali attentati. I lavoratori Bresciani chiedono che si faccia piena luce e che si perseguono tutti responsabili fino ad arrivare ai mandanti ed ai finanziatori della trama nera. Questa trama nera si intreccia con la strategia della tensione che da alcuni anni il neofascismo porta avanti per sovvertire le istituzioni democratiche del nostro paese. Ma il movimento operaio e le forze politiche democratiche hanno saputo e sapranno respingere con fermezza questi tentativi autoritari. Anche oggi la nostra una risposta di lotta per affermare i valori della Costituzione nata dalla Resistenza, l’unità e gli strumenti di partecipazione democratica che la classe lavoratrice ha costruito, con le lotte di questi, anni sono un baluardo a difesa della libertà e della democrazia. Per questo anche il recente tentativo di introdurre elementi di divisione nel movimento sindacale è clamorosamente fallito il 12 maggio. Il paese può uscire dalla crisi affermando un modello affermativo alternativo di sviluppo economico fondato su radicali riforme di struttura e sullo sviluppo del mezzogiorno. Questa è la proposta politica del Movimento operaio. Uniti la sosteniamo con la lotta. Uniti diciamo no al fascismo. Compagni lavoratori a nome delle organizzazioni sindacali CGIL CISL e UIL ha la parola Franco Castrezzati.

Franco Castrezzati

Amici e compagni lavoratori, studenti. Siamo in piazza perché, in questi ultimi tempi, una serie di attentati di marca fascista ha posto la nostra città e la nostra città provincia all’attenzione preoccupata di tutte le forze antifasciste. E le preoccupazioni sono tante più acute ove si tenga conto che la macchina difensiva delle istituzioni democratiche della repubblica sia messa in moto solo dopo che alcune fortuite circostanze hanno rivelato l’esistenza di un’organizzazione eversiva ampiamente finanziata e dotata di mezzi micidiali sufficienti comunque a creare il terrore e sbandamento. Il drammatico episodio di Piazza Mercato ha imposto un colpo di acceleratore nelle indagini sulle trame nere. Sono così venuti alla luce uomini di primo piano, già legati alla Repubblica di Salò che hanno rapporti con gli attentatori di Piazza Fontana e del direttissimo Torino-Roma, con il disciolto gruppo di ordine nuovo risolto poi sotto la sigla di Ordine Nero, con le squadracce d’azione Mussolini e con il Movimento d’Azione Rivoluzionaria, con le organizzazioni “La Rosa dei Venti” e “Riscossa” e con lo stesso Movimento Sociale Italiano. Si scopre così un fortino alla periferia della città, una sorta di campo di addestramento messo a disposizione dall’ingegnere di Collebeato, ufficialmente povero in canna, ma in realtà accasato una villa principesca. Vengono pure alla luce bombe, ami, tritolo, esplosivi di ogni genere, perfino cannoncini, anche se rudimentali. Qualcosa di più di quanto non sappiano mettere insieme quattro ragazzini esaltati dalla droga di ideologie assurde, ai quali viene cinicamente affidata l’esecuzione di attentati che spesso falliscono e si ritorcono come boomerang contro gli inesperti bombardieri. Ci troviamo di fronte a trame intessute segretamente da chi ha mezzi ed obiettivi precisi. Si vogliono, cioè, sovvertire le istituzioni democratiche della nostra Repubblica nate dalla Resistenza. A questo fine si strumentalizzano i giovani, le loro menti vengono imbottite di droga che sconvolge ogni valore universalmente accolto. Così si attenta alla vita umana che è un diritto naturale, si innescano ordigni esplosivi contro le sedi di partiti, di sindacati, di cooperative col proposito di intimidire. Il propellente per queste imprese banditesche è ancora una volta l’ideologia fascista. All’insegna del nazionalismo e del razzismo, la Repubblica di Salò ha intruppato nelle brigate nere giovani, spesso ancora adolescenti, inviandoli alla carneficina mentre deliranti e farneticanti urlavano slogan insensati. Oggi ancora si insiste su questa strada approfittando dell’inesperienza; ed è così che i mandanti, i finanziatori dell’eversione possono seminare distruzione e morte senza scoprirsi, possono camuffare le loro trame con tinte diverse da quella nera, come avvenuto per l’attentato di Piazza Fontana o del treno Torino-Roma, oppure, come avviene in ogni parte del mondo quando si vogliono soffocare le aspirazioni di progresso, di giustizia e di democrazia dei popoli. i titoli dei giornali dell’immediato dopoguerra mettevano ripetutamente in evidenza che a pagare per le colpe, per i misfatti, per i crimini del Fascismo erano normalmente i meno responsabili. Gli stracci così venivano definiti punto ed è a me che sembra che la storia si ripeta e cioè che anche oggi si scavi, non si scavi in profondità, che non si affondi il bisturi risanatore fino alla radice del male. La nostra Costituzione, voi lo sapete, vieta la riorganizzazione sotto qualsiasi forma, del disciolto partito fascista; eppure il movimento sociale italiano vive e vegeta. Almirante, che con i suoi lugubri proclami in difesa degli ideali nefasti della Repubblica Sociale Italiana ordiva fucilazioni e ordinava spietate repressioni, oggi ha la possibilità di mostrarsi sui teleschermi come capo di un partito che è difficile collocare nell’arco antifascista e perciò costituzionale. A Milano…[SCOPPIO DELLA BOMBA]…

Fermi…..state fermi……compagni e amici state fermi…..calma….compagni e amici state fermi….state calmi….state all’interno della piazza….il servizio d’ordine faccia cordone…..intorno alla piazza…..state all’interno della piazza…all’interno della piazza….lavoratori state all’interno della piazza…il servizio d’ordine…state calmi…state calmi…state calmi…invitiamo tutti a portarsi sotto il palco….venite sotto il palco….lavoratori venite sotto il palco…il servizio dell’ordine…venite sotto il palco….lavoratori venite sotto il palco….state calmi…vi preghiamo di venire sotto il palco…lasciate posto alla croce bianca